LA FEDERAZIONE INCONTRA I PANIFICATORI DEL MOLISE

pubblicato in: Blog, Eventi pubblici | 0

Un ottimo  successo di partecipazione ha riscosso il convegno svoltosi lo scorso 28 aprile in Molise a Jelsi (CB), presso il Museo della festa del grano (MUFEG). L’incontro dal titolo “Il panificatore di oggi per costruire quello del domani”, ha riunito oltre che le autorità istituzionali locali anche tantissimi fornai del Molise e delle regioni vicine. In una cornice particolare dove il grano diventa arte, gli artigiani panificatori si sono confrontati su diversi temi, ma di notevole interesse è stato porre al centro dell’attenzione la nuova identità del panificatore che si proietta nel futuro.

L’organizzatore dell’evento, Feliciano Antedomenico, nonché moderatore del convegno e responsabile Fippa del gruppo panificatori del Molise, ha accolto i presenti con grade professionalità, organizzando un evento molto partecipato e preparato nel miglior modo possibile, attirando l’attenzione anche dei tanti media presenti all’evento.

Con il suo intervento ha sottolineato come sia di vitale importanza la figura del panificatore e tutto ciò che lo stesso produce, il pane, aggiunge, oltre ad essere il simbolo dell’arte bianca porta con sé tutta una serie di prodotti da forno che sono fondamentali per l’attività del panificatore. Lo stesso afferma che ogni associazione presente sul territorio italiano dovrebbe avere come obiettivo quello di rilanciare la figura del fornaio con progetti e azioni concrete sotto un’unica casa quella della Federazione Italiana Panificatori.

Questa giornata per il Molise rappresenta una ripartenza, andando in giro per la regione, riferisce di aver notato che ci sono tanti giovani fornai che voglio crescere e affermarsi nel settore.

Dopo i rituali saluti di benvenuto anche da parte del sindaco di Jesi, c’è stato l’intervento del presidente nazionale Giancarlo Ceccolini che ha fatto concretamente il punto sulla situazione generale del settore, sposando la tesi del collega Antedomenico, precisando come sia importante oggi ritrovare quella professionalità che riporta il pane al centro delle abitudini alimentari degli italiani. Il presidente descrive ai presenti che cosa è la Federazione e quali sono le sue attività a livello nazionale.

Non sono mancate anche da parte del presidente federale delle riflessioni sulla situazione attuale del settore, dalla crisi in atto dei consumi, alla difficoltà di reperire nuovo personale, l’importanza della formazione senza sfuggire ai temi più delicati quali il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro relativamente al quale la Federazione, rimane aperta e disponibile al confronto purché sia serio e senza precondizioni. Inoltre, il presidente ha sottolineato la necessità di essere direttamente rappresentanti presso i ministeri e le istituzioni, con l’obiettivo di affrontare e risolvere i problemi dei fornai italiani.

Molto condiviso anche l’intervento di Nicola Guariglia, presidente dell’Associazione di Salerno e membro del Comitato esecutivo federale e provincia che si è soffermato sull’importanza di formare i giovani, ovvero le nuove leve del settore della panificazione, ribadendo come sia importante per la categoria saper affrontare le difficoltà e i problemi che vaste aree del Paese hanno di fronte.

Emma prunella segretaria dell’associazione panificatori di Taranto e provincia e responsabile segreteria del Mezzogiorno ha spiegato nello specifico in cosa consiste il suo lavoro e il forte impegno per riunire le associazioni panificatori aderenti alla Federazione nel sud Italia, sottolineando come il ruolo della Federazione sia fondamentale nel mantenere i rapporti con il governo italiano e con l’Unione europea per tutte quello che concerne l’aspetto normativo relativo al settore. Ha aggiunto inoltre, che la Federazione sta lavorando ad un piano di promozione triennale denominato “pane sport e salute” che avrà il suo punto focale in due avvenimenti sportivi di risonanza mondiale: le Olimpiadi invernali del 2026 e, i Giochi del Mediterraneo che si terranno nell’estate 2026 a Taranto. Il primo evento sarà la presentazione ufficiale dell’iniziativa che sarà presentata nell’autunno del 2024 in un convegno mondiale che si terrà a Venezia con il patrocinio – già concesso alla Federazione – della Regione Veneto.  Inoltre, nel 2025, in collaborazione con Richemont Club Italia, verrà organizzato un contest mondiale di panificazione con squadre rappresentative dei 5 continenti per la preparazione e lo sviluppo di prodotti di panificazione di specifico interesse per gli sportivi ed infine, durante le manifestazioni olimpiche invernali, saranno distribuiti prodotti da forno in linea con le indicazioni dietetiche e nutrizionali sulle quali stanno lavorando nutrizionisti universitari di livello internazionale. Iniziative e riflessioni che sono stati presi come spunto per i panificatori presenti, che con tanto entusiasmo hanno preso atto che si può e si deve andare avanti uniti per il futuro della categoria e della panificazione artigianale.