REAL BREAD : dopo il coronavirus IL VERO PANE FRESCO si fa largo in Inghilterra

pubblicato in: Evidenza, Forum | 0
CREDITS: https://www.sustainweb.org/ Copyright free photo from Pxfuel

 

NOn fatevi ingannare dal nome: REAL BREAD non sta per pane della Regina o qualcosa del genere ma sta per PANE VERO, intendendo con ciò che bisogna distinguere tra pane buono, fresco, tradizionale e quello industriale che fino a poco tempo fa ha dominato il mercato inglese.

 REALBREAD è un progetto di promozione che nasce nell’ambito di SUSTAIN, iniziativa nata in inghilterra  alla fine degli anni ’90 con il dichiarato obiettivo di sostenerepolitiche e pratiche alimentari e agricole che migliorano la salute e il benessere di persone e animali, migliorano l’ambiente di lavoro e di vita, promuovono l’equità e arricchiscono la società e la cultura.  Sustain rappresenta oggi circa 100 organizzazioni nazionali britanniche di interesse pubblico che attive a livello internazionale, nazionale, regionale e locale.

E non a caso REALBREAD ha dedicato grande attenzione alla nostra legge sul pane fresco ( leggi QUI L’ARTICOLO

Real Bread Campaign welcomes Italy’s new fresh bread law) indicandola come una strada che tutti i governi nazionali dovrebbero percorrere.

Così SUSTAIN definisce il progetto REAL BREAD: “La campagna VERO PANE  trova e condivide i modi per rendere il pane migliore per noi, migliore per le nostre comunità e migliore per il pianeta. Che il tuo interesse sia il cibo locale, le piccole imprese focalizzate sulla comunità, l’etichettatura corretta e onesta, la panificazione amatoriale  o semplicemente apprezzi un buon  pane, sei comunque invitato a diventare sostenitore della nostra campagna.”

REAL BREAD sempre molto attivo, ha dedicato ampio spazio alle problematiche dei panettieri conseguenti al coronavirus e cercato di dare alcuni suggerimenti su come affrontare il periodo seguente al lockdown.

Li abbiamo tradotti, con l’ovvia avvertenza che il mercato inglese non è quello italiano ma che sicuramente qualche idea utile la possiamo tirare fuori. Forse sono cose scontate, ma sapere cosa fanno gli altri non è poi così male e qualche buona idea si può sempre trovare.

La locandina che invita a fare attenzione al marchio della pagnotta che distingue il VEROPANE

Ecco il post di REAL BREAD:

Durante il blocco, i fornai sono stati ufficialmente riconosciuti come lavoratori chiave e le panetterie sono tra le aziende che forniscono servizi essenziali che sono stati autorizzati a rimanere aperti. Tutti i proprietari di scuole di panetteria (e alcuni prodotti da forno), tuttavia, hanno dovuto mettere temporaneamente in pausa le cose.

A beneficio di quei proprietari che stanno cercando di riaprire nelle prossime settimane e mesi, abbiamo raccolto insieme questi suggerimenti di cose che potresti prendere in considerazione.

Ci auguriamo che ciò ti aiuti a realizzare con successo ciò che è, in effetti, un rilancio e che alcune idee saranno utili anche ai proprietari di aziende che sono rimaste aperte.

Analizza bene i tuoi prodotti

Semplifica la tua gamma e concentrati su ciò che i tuoi clienti desiderano / hanno bisogno e su ciò che ha senso in termini di produzione, in particolare se hai meno personale nel forno a causa di requisiti di distanza e / o assenze.

Probabilmente non ti è simpatico il pane in bauletto confezionato a lunga scadenza, magari già affettato. Ma ora potrebbe essere il momento di superarlo. I fabbricanti di pagnotte industriali hanno spostato più produzione su fette bianche in quanto esiste un mercato, quindi che ne dici di offrire alle persone qualcosa della stessa forma ma migliore?

Più spazio alla pizza e a quello che serve per farsela in casa

La gente ama una pizza da asporto! Potrebbe funzionare per te, forse a orario limitato una sera, o durante il pranzo all’ora di pranzo, una settimana? Puoi offrire un ottimo rapporto qualità-prezzo e avere comunque un buon margine.

Abbiamo anche individuato diverse panetterie che vendono pasta per pizza (che può essere refrigerata o congelata per un uso successivo) con le istruzioni e persino kit completi di ingredienti per pizza da assemblare e cuocere a casa.

Controlla cosa altro puoi vendere

Le persone fanno meno viaggi di shopping, quindi quali altri elementi essenziali puoi offrire per incoraggiarli a farti visita? Uova, latte, altri prodotti che prima non vendevi ecc.possibilmente locali.  Cosa potete prendere da altri piccoli produttori del territorio?

Prendi in considerazione la vendita di confezioni di dimensioni al dettaglio (ad esempio farina da 1 kg-5 kg ​​e lievito da 25g-100g): sarai molto popolare tra i locali #LockdownLoafers! Se fai il pane a lievitazione naturale, considera anche la vendita di piccola attrezzatura e contenitori utili per questo lavoro.

Vai online

Se non hai ancora un negozio online, creane uno. Fare clic e raccogliere gli ordini ti aiuta a sapere quanto cuocere e, insacchettato e pronto per la consegna, facilitano ai clienti un ingresso e una uscita rapida e senza contatto (per esempio ritirarlo  da un bancone in una finestra / porta del forno) . L’offerta di fasce orarie di raccolta dovrebbe ridurre ulteriormente le code. .

I proprietari di scuole di panetteria in particolare, ma anche i proprietari di panetterie, dovrebbero prendere in considerazione l’offerta di corsi di cottura online e / o sessioni di domande e risposte, sia come fonte di reddito o come marketing.

Offri consegne

È un ottimo servizio per i clienti che non possono uscire (o sono ansiosi di farlo) per non parlare dei lavoratori che potrebbero avere difficoltà a contattarti durante l’orario di lavoro. Con quali altri affari o organizzazioni nella tua zona potresti essere in grado di collaborare? 

Vai senza contatto

I pagamenti con carta senza contatto sono più rapidi e presentano un rischio inferiore per la trasmissione di virus rispetto al passare del tempo con il cambiamento. C’è un numero crescente di aggeggi e piattaforme (iZettle, Square, SumUp, WorldPay, PayPal qui ecc.) Che ti permettono di farlo abbastanza facilmente.

Distanziati

Aiuta i clienti a rimanere a 2 m di distanza usando il nastro o altri segni sul pavimento all’interno del tuo negozio e all’esterno se non hai altra alternativa che chiedere ai clienti di fare la fila all’esterno. Se hai più di una porta, utilizza un sistema a senso unico. Cerca i modi per mantenere i clienti e i membri del tuo personale a una distanza di almeno 2 m l’uno dall’altro, magari usando i tavoli o avendo un punto di rilascio da cui prendere il loro acquisto.

Comunicare e gestire le aspettative

Le persone ragionevoli accetteranno che, come il resto del mondo, stai facendo le cose in modo diverso durante il blocco. Per cortesia nei loro confronti e per il beneficio per l’altra categoria di persone, tieni i tuoi clienti informati su ciò che stai facendo e sul perché in un linguaggio amichevole, rassicurante e persino divertente. Usa gli accessi (e, se applicabile, all’esterno) nel negozio, pubblica informazioni sul tuo sito web e pubblica aggiornamenti tramite i tuoi canali di social media e la mailing list di enewsletter, se li hai.

Mettiti in contatto con i media locali per dire come stai facendo la tua parte durante la crisi e potrebbero aiutarti a spargere la voce. I sostenitori della campagna possono accedere per una breve guida di marketing per prodotti da forno.